I social network hanno dei codici dai quali non si può fuggire. Secondo la natura umana 5C vi garantiranno il successo. Conoscerle è necessario per migliorare il vostro status di influencer. Per prendere più mi piace, per essere seguiti dagli utenti ed entrare in empatia con loro, c’è solo la possibilità di sfruttarle fino al midollo.

Andiamo a spoilerare queste 5C acchiappa like senza remore.

1) CUCCIOLI

img_0315

Nessuno resisterebbe alla loro dolcezza. Fine. Se vedi un gattino, un cagnolino o qualsiasi batuffolo di pelo capiti a tiro, postalo sui social. È un mi piace a mani basse, dove le ragazze impazziscono, i maschi si inteneriscono, gli adulti ripensano ai loro amici a quattro zampe. Un cucciolo in bacheca è come puntare sulla crescita delle vendite di gelati in estate. Vale anche per i cuccioli di uomo, ergo…Neonati, neonati ovunque.

2) CARTOLINE

img_0321

Mettere una foto dopa notevolmente l’efficacia di ogni post. Perché non metterne una superefficace? Panorami impossibili e filtri pesantissimi. Non importa. Eri lì e hai scattato la foto con lo smartphone in posizioni improbabili. Mettila subito sui social, va bene Facebook, meglio Instagram con buoni hashtag decorativi. Alle cartoline non si può omettere un like. In tante chiacchiere sui social, foto così ti donano sempre un attimo di bellezza.

3) CIBO

img_0318

Non occore quasi commentare. Per l’acquolina in bocca basta poco, per le calorie ci sarà sempre amore. Perfino le magrissime fashion blogger nella loro insanabile contraddizione non resistono al postare dolci, dolcetti, dolcini. Nessuna discriminazione per lo junk food, come per il vegan o i piatti della tradizione. Una carbonara ha tanto successo quanto un piatto etnico, che sia dolce o salato. Tutti mangiano. In un mondo di fitness la passione per il cibo non desisterà mai. Dicono sia l’unico amore sincero. Si vive per mangiare in fondo, oppure era il contrario?

4) CONGRATULAZIONI

img_0322

I successi sono terribilmente odiosi e foraggiano l’invidia. I social però, sebbene siano covo di ogni rancore non detto, offrono sempre spazio per una valanga di mi piace. Promozioni scolastiche, lauree, cerimonie, nuovi posti di lavoro (se ancora esistono), compleanni, vittorie sportive. Se un socialmedia come Facebook è la vetrina 2.0 della nostra vita, determinate conquiste non passano inosservate. Si narra che alla vista delle corone di alloro si metta like senza neanche ricordare chi sia diventato dottore. Un altro colpo sicuro, ma attenzione al post. Si scrive con umiltà, ricordando le fatiche superate, ringraziando rigorosamente le persone senza le quali non saremmo mai arrivati fino in fondo. Strappa lacrime ma anche mi piace, è un lato umano per il quale chiunque prova empatia.

5) COPPIE

img_0317

Ci vuole un pizzico di pazienza, forse anche due chili. La stucchevolezza in certi casi viene ripagata. I grandi amori della nostra vita che oggi sono 300 mi piace e fra un mese sono foto rimosse con violenza ricorrendo al diritto all’oblio, litigando con Mark Zuckerberg, sono un grande classico. Più l’amore è passeggero, più cavalca l’onda del trending topic sulla home di tutti con grande seguito. Bacini, bacioni, abbracci, citazioni di poeti antichi o romantici frustrati, ogni elemento val bene il gioco del successo 2.0 se risplende d’amore. Si stuferanno tutti, ma nessuno resisterà al piazzamento di un like ipocrita, oltre a quello dei fedelissimi amici. Dato che i social si concimano con la fedeltà al mi piace e all’apparenza, come al solito la somma farà il totale.

 

Le 5C non possono essere ignorate, ma non per questo bisogna esserne schiavi. Ultimo elemento da non ignorare: le belle ragazze. Non è sessismo ma rassegnazione di fronte alla superficialità maschile. Agli uomini basta l’estetica, le donne sanno essere molto più profonde, esaltandosi solo ascoltando la voce di un uomo, solo al contatto del suo corpo, anche fosse una stretta di mano. Le adolescenti millennial, o bimbeminkia, come dir si voglia, sanno farsi valere. Magari non nel merito, ma molti utenti raccontano di foto da 800 like in tre giorni, magari dai coetanei che scoprono di aver perso il ribrezzo verso le femminucce, come se un mi piace fosse una chance di conquista in più.

Senza dubbio il mi piace è sempre tattico, ma la battaglia da intraprendere sarà superare le 5C. Impara a conoscerle, ma non adagiarti su di loro come fossero comodi cuscini.

Per esempio “COMICITÀ” è sempre un’ottima C alternativa, ma richiede un pizzico di attitudine. Se non sei il buffone prediletto dai post sorprendenti, inzia ad investire su altro. L’originalità inedita verrà sempre premiata sui social network.

@LolloNicolao

Annunci